Archivi del giorno: febbraio 15, 2009

Cento di questi giorni (e anni)

Questa donna non solo ha nascosto Anna Frank, ma ha anche raccolto le sue carte sparse che poi sono diventate il famoso diario.

oggi compie cento anni. auguri.

The last surviving member of the group who helped hide the Jewish girl Anne Frank and her family from the Nazis in Amsterdam has turned 100 years old.
Miep Gies was planning a quiet celebration of her birthday with friends and relatives. She said she was not deserving of the attention, and others had done far more to protect Jews in the Netherlands.

Annunci

Gay oh gay oh gay oh

Elio e le storie tese rivisitano Luca era gay di Povia. Mancano due giorni alla serata d’apertura di Sanremo, questo è un ottimo modo per cominciare.


Six Nations week 2

Qualche commento sulle tre partite del week end del Sei Nazioni. Quelle del sabato (Francia-Scozia e Galles-Inghilterra), le ho viste distrattamente e con una tv che si vedeva malissimo (per qualche improbabile motivo La 7 a Lucca si vede male. Almeno a casa mia). La Scozia ha retto decisamente molto con i francesi allo Stade de France. Partita noiosetta comunque, e se vogliamo evitare il cucchiaio di legno dobiamo battere questa Scozia che non sarà avversario facile. Il Galles invece non ha avuto vita facile, e chi se lo aspettava (in realtà il commentatore tecnico de La 7 che urla sempre si, lo ha detto prima degli inni): l’Inghilterra è stata un osso duro duro, nonostante la prima parte del match sia stata saldamente in mano ai diavoli rossi. Poi è successo che appena i Gallesi hanno mollato un attimo dall’altra parte l’hanno buttata in caciara rallentando la manovra. Alla fine qualche indecisione al piede degli inglesi e la partita si fissa sul 23-15 per i padroni di casa.

Oggi invece toccava all’Italia al Flaminio contro l’Irlanda. Sulla carta, gli irlandesi sono per noi imbattibili. Ed invece l’Italia ha giocato un primo tempo come può (che troppo spesso diventa un “come potrebbe”) mentre l’Irlanda non come sa giocare. E così a pochi minuti dalla fine del primo tempo siamo sopra 9-7, e solo una meta provvidenziale mette al riparo gli irlandesi da un riposo davvero amaro. Al di là del punteggio, il primo tempo è davvero divertente, forse addirittura il meglio visto fin’ora in queste due giornate di torneo. E poi, vedere questi 40 minuti al cinema Warner a piazza Esedra a Roma su un maxischermo è stato davvero  notevole (in tutto il cinema, eravamo meno di dieci persone: una volta organizzate le belle iniziative andrebbero anche pubblicizzate, sennò è tutto inutile). La seconda metà del match è una mezza tragedia, con interminabili mischie e attacchi ripetuti degli irlandesi: ma l’Italia ha giocato un tempo alla grande, contro l’unica squadra che può spaventare il Galles per la vittoria finale, e dopo quello visto la scorsa settimana a Twickenham poteva andare molto molto peggio.