Six Nations week 2

Qualche commento sulle tre partite del week end del Sei Nazioni. Quelle del sabato (Francia-Scozia e Galles-Inghilterra), le ho viste distrattamente e con una tv che si vedeva malissimo (per qualche improbabile motivo La 7 a Lucca si vede male. Almeno a casa mia). La Scozia ha retto decisamente molto con i francesi allo Stade de France. Partita noiosetta comunque, e se vogliamo evitare il cucchiaio di legno dobiamo battere questa Scozia che non sarà avversario facile. Il Galles invece non ha avuto vita facile, e chi se lo aspettava (in realtà il commentatore tecnico de La 7 che urla sempre si, lo ha detto prima degli inni): l’Inghilterra è stata un osso duro duro, nonostante la prima parte del match sia stata saldamente in mano ai diavoli rossi. Poi è successo che appena i Gallesi hanno mollato un attimo dall’altra parte l’hanno buttata in caciara rallentando la manovra. Alla fine qualche indecisione al piede degli inglesi e la partita si fissa sul 23-15 per i padroni di casa.

Oggi invece toccava all’Italia al Flaminio contro l’Irlanda. Sulla carta, gli irlandesi sono per noi imbattibili. Ed invece l’Italia ha giocato un primo tempo come può (che troppo spesso diventa un “come potrebbe”) mentre l’Irlanda non come sa giocare. E così a pochi minuti dalla fine del primo tempo siamo sopra 9-7, e solo una meta provvidenziale mette al riparo gli irlandesi da un riposo davvero amaro. Al di là del punteggio, il primo tempo è davvero divertente, forse addirittura il meglio visto fin’ora in queste due giornate di torneo. E poi, vedere questi 40 minuti al cinema Warner a piazza Esedra a Roma su un maxischermo è stato davvero  notevole (in tutto il cinema, eravamo meno di dieci persone: una volta organizzate le belle iniziative andrebbero anche pubblicizzate, sennò è tutto inutile). La seconda metà del match è una mezza tragedia, con interminabili mischie e attacchi ripetuti degli irlandesi: ma l’Italia ha giocato un tempo alla grande, contro l’unica squadra che può spaventare il Galles per la vittoria finale, e dopo quello visto la scorsa settimana a Twickenham poteva andare molto molto peggio.

Annunci

One response to “Six Nations week 2

  • lucaperetti

    […] Pubblicato da lucaperetti su Febbraio 16, 2009 Arianna ci ricorda una di quelle cose bellissime di quello sport bellissimo che è il rugby: tutte le provincie dell’Irlanda, quindi Eire e tutto l’Ulster, giocano nella stessa nazionale. E cantano anche un inno piuttosto fico che il mio amico Francesco si ricorda a memoria con mia somma invidia. E battono anche l’Italia di più di venti punti, ma di questo abbiamo già parlato. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: