L’arcivescovo di Recife e la scomunichetta

C’è, a Roma, il Vaticano e, in Vaticano, la Pontificia Accademia per la Vita. Con una gamma di sentimenti che vanno dall’imbarazzo al dolore alla perentorietà, i suoi esponenti hanno spiegato che la scomunica comminata dall’Arcivescovo di Recife era necessaria. Un atto davvero dovuto, come prescrive il Codice di Diritto Canonico. Un sacerdote del Pontificio Consiglio per la Famiglia, a sua volta, ha soffertamente ribadito che “L’annuncio della chiesa è la difesa della vita e della famiglia”. E che i medici sono “protagonisti di una scelta di morte”.

Da qui, non saprei trovare parole migliori.Rimanendo in famiglia, qui invece si sostiene, in una prospettiva piuttosto ateista, che non dovremmo scandalizzarsi troppo perche’ “Le Chiese sanno fare di peggio, e lo fanno”. Indubbiamente, ma per quel poco che mi ricordo sul’argomento mi pare che la scomunica sia il provvedimento piu’ grave della Chiesa Cattolica (e questo potrebbe anche non interessarci) e soprattutto che abbia un altissimo valore simbolico, specialmente ove il cattolicesimo e’ ancora seguito in modo acritico o quasi. Per esempio, quando capitera’ di nuovo una situazione del genere, i medici non avranno forse qualche problema in piu’?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: