un paese borscevico


Stazione del treno di Anzio Colonia, una sessantina di chilometri a sud ovest di Roma. La stazione e’ scarna, di quelle semi abbandonate, non c’e’ neppure la macchinetta per obliterare. Ma i treni fermano, molti, sulla linea Nettuno-Roma e viceversa. Alle 17.51, secondo gli orari su trenitalia.com e secondo quelli appesi al bar di sotto, dovrebbe passare il treno per Roma. Ma quando arrivo, circa dieci minuti prima, trovo gia’ un piccolo gruppetto di persone che dice che no, l’hanno visto passare da lontano, che “me sa che so’ tornati all’orari vecchi e passa a 37, nun passa piu’ a 51” e via dicendo. Insomma, il treno e’ previsto per dieci minuti prima, alle 17.41 si scoprira’, e nessuno lo sa, neanche il controllore del treno che passa nell’altra direzione. Quelli sono i momenti in cui ti chiedi come mai vivere in questo paese, e io si che li capisco quelli che se ne vanno, e forse me ne potevo stare a Londra bla bla. Ma sono anche i momenti in cui fraternizzi con i tuoi compagni di sventura, che mal comune mezzo gaudio si sa. E allora, il signore di mezza eta’ che si sta lamentando, ad un certo punto dice le parole che ti fanno capire davvero come mai vivi in questo paese: “e che devi’ fa’, l’Italia e’ un paese borscevico, mica come l’ollanda o la germania” “eh si – incalza l’altro – ste cose so proprio meddintali”. Ecco, un paese borscevico, mi pareva.

Qui sotto l’orario alle 23.06 di stasera: e’ ancora quello non piu’ valido.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: