Archivi del mese: maggio 2011

La spasmodica attesa del sorprendente album

mi ricordo la scena. Eravamo davanti ad un locale di San Lorenzo, il Mads, dentro suonavano, o stavano per, i Jacqueries, simpatica band romana. In piedi, ai lati del locali, proprio davanti alla porta secondaria di un trattoria, un mio amico e un tizio indievestito ascoltano molto presi qualcosa proveniente da un iPod o simili. Mi racconta poi, questo mio amico, tutto entusiasta, che quello in piedi ha un progetto, si chiama I Cani, ad aprile dovrebbe uscire il disco, per ora mi ha fatto sentire qualche pezzo e si trovano su soundcloud. Scetticismo. Ma il mio amico non è proprio il tipo che si entusiasma per nulla, anzi. Qualche giorno dopo mi manda l’ascoltabile, ed è stupefacente. Era fine novembre, ma mi sembra passata una vita, tale l’attesa spasmodica, i nuovi pezzi forniti centellinati e ascoltati decine di volte, il passaggio su Radio DeeJay ascoltato con sorpresa (ma neanche troppa) e gioia, aprile che diventa giugno… e insomma, per farla breve, il 3 giugno esce l’album de I Cani, si intitola con una buona dose di autoironia “Il sorprendente album d’esordio de I Cani”, e c’è bisogno che dica che è il miglior album italiano del 2011?

Se non ci credete, ascoltare qui, qui o qui.


Buone abitudini

Cose da fare il primo sabato di maggio, quando inizia il Giro:

– uscire di casa

– comprare la Gazzetta con l’allegato SportWeek speciale sul Giro

– andare su Totogiro e scommettere

– aspettare la prima tappa


L’hanno ammazzato

il primo aprile del 2009 fu ucciso Ian Tomlinson, un edicolante inglese che ebbe la sfortuna di passare vicino alle manifestazioni contro il G20 di Londra e la polizia che tentava di reprimerle. Ero pochi metri più in là, e mi ricordo il clima di quel giorno, l’assurdo sistema adottato dalle forse dell’ordine per controllare la manifestazione, il nervosismo, lo shock che venne dopo, specie in un paese non certo abituato a manifestazioni violente di piazza. Dopo due anni, racconta Il Post, è stato stabilito anche da un punto di vista legale che quello di Tomlison fu omicidio. Pagherà probabilmente un poliziotto di nome Simon Harwood, l’agente che ha fisicamente spinto l’uomo, ma la colpa è solo parzialmente sua, quanto di chi stava ai piani alti e organizzò e gestì la piazza in quel modo, portando gli stessi poliziotti a esasperarsi e innervosirsi più del dovuto. Almeno è stato accertato che non fu infarto, come goffamente venne fatto credere in un primo momento.


Cose viste oggi in centro a Roma

– tanti pellegrini e affini
– tanti pellegrini rumorosi e palesemente poco interessati alla messa quanto a sciamare da una zona all’altra come un sabato pomeriggio in centro e urlando alquanto al cellulare con i parenti/amici rimasti a casa. La voce di Ratzi82 era decisamente un sottofondo
– tanti pellegrini gettarsi sul cibo (soprattutto frutta) in omaggio. Ho visto persone riempire buste intere, e prendere un gran numero di cestini di una poco conosciuta marca di supermercati (contenenti, peraltro, merendine pessime)
– molti negozi aperti, con meno casini e polemiche di Firenze
– quando morì JPII passai qualche giorno a chiacchierare e fare interviste con alcune delle centinaia di migliaia di persone accorse: mi pare ce ne fossero oggi molte molte meno – ma vado a occhio, naturalmente – soprattutto meno polacchi. In compenso era tutto molto ben organizzato – sempre a occhio
– ho visto i mezzi della Misericordia di Viareggio ed una ragazza con un (sembrava) lieve malore venire assistita da sette persone della protezione civile. Due la sostenevano, due la scortavano dietro, una faceva strada con ampi gesti, una faceva da collante tra la prima e le due che la sostenevano, una passeggiava. Moltissimi anche gli operatori dell’A.M.A.
– c’erano baristi e ristoratori decisamente felici. un caffè a piazza Risorgimento mi è costato un euro (dubito sia il prezzo abituale)
– ho comperato una bandierina di JPII. Prezzo: un euro. Ce ne erano anche di più belle a due euro
– moltissimi i venditori di oggetti vari, tra cui si segnalano cuscini super trash, oltre ai soliti quadri con ritratti di JPII – alcuni decisamente brutti